Comunicato stampa

Aggiornamento dello Studio sui costi 2016 – I costi per la disattivazione e lo smaltimento delle centrali nucleari svizzere vengono adattati puntualmente

Berna, 21 dicembre 2017 – I costi per la disattivazione delle centrali nucleari svizzere e per lo smaltimento delle scorie nucleari ammontano, secondo la verifica indipendente dello Studio sui costi 2016 (SC16) a 23.484 miliardi di franchi. Rispetto allo Studio sui costi 2011, lo Studio sui costi 2016 verificato indica un aumento dei costi del 13 percento. Il Dipartimento federale dell’ambiente, dei trasporti, dell’energia e delle comunicazioni DATEC determinerà ora i costi definitivi.

Lo Studio sui costi 2016, allestito da swissnuclear su mandato della Commissione per il Fondo di disattivazione e il Fondo di smaltimento (STENFO), è stato verificato negli ultimi mesi da esperti indipendenti. I dati dello Studio sui costi (SC16) sono stati tra l’altro messi a confronto anche con i costi di disattivazione e di smaltimento di centrali nucleari estere. È stata inoltre data una particolare attenzione al supplemento di sicurezza generale. Si intende così garantire che all’atto della messa fuori esercizio delle centrali nucleari siano disponibili i fondi necessari per la disattivazione e lo smaltimento.

Dalla verifica dei costi degli esperti indipendenti sono derivate due nozioni fondamentali. La prima: il calcolo dei costi di swissnuclear era fondato e in sé corretto, corrispondente alle direttive e agli standard internazionali. La seconda: occorrono adeguamenti in singoli punti concernenti i costi di disattivazione e di smaltimento, in modo che i costi complessivi dello SC16 non verificato, pari a 21.767 miliardi di franchi, aumentino dopo la verifica a 23.484 miliardi di franchi (+7.9%).

Risultato della verifica dei costi di disattivazione in dettaglio

Riassumendo, gli esperti dei costi di «disattivazione» giungono alla conclusione che le direttive sono state rispettate da STENFO, che i lavori sono conformi alla buona prassi internazionale, che le procedure per l’accertamento dei costi e i relativi calcoli sono comprensibili, condivisibili, adeguati e pertinenti allo scopo.

Gli esperti dei costi di «disattivazione» suggeriscono di apportare degli adeguamenti ai supplementi di rischio. Gli esperti dei costi raccomandano di tenere conto, nell’ambito del supplemento di sicurezza generale, di adeguate probabilità d’intervento, rispettivamente dell’ampiezza del sinistro. I costi verificati sono ora previsti in 3.733 miliardi di franchi (SC16 non verificati 3.406 miliardi di franchi). Se si confronta la differenza tra lo Studio sui costi 2016 non verificato e quello verificato ne risulta un aumento di 327 milioni di franchi.

 Verifica dei costi di smaltimento in dettaglio

Riassumendo, gli esperti dei costi di «smaltimento» giungono alla conclusione che le direttive di STENFO per lo SC16 sono state rispettate correttamente da parte dell’autore dello Studio sui costi. Gli esperti dei costi valutano i singoli livelli dei costi per i costi iniziali, i costi per la riduzione dei rischi, i supplementi (imprecisioni nelle previsioni, pericoli e opportunità) complessivamente plausibili, comprensibili e condivisibili.

Gli esperti dei costi di «smaltimento» suggeriscono, in base a un’altra valutazione, di apportare degli adeguamenti a singoli elementi dei costi di base e dei supplementi per rischi e opportunità. I costi di smaltimento ammontano ora, conformemente allo Studio sui costi 2016 verificato, a 19.751 miliardi di franchi (SC16 non verificato 18.361 miliardi di franchi). Se si confronta la differenza tra lo Studio sui costi 2016 non verificato e quello verificato ne risulta un aumento di 1‘390 milioni di franchi.

 Nuovo calcolo dei contributi nei Fondi

Poiché la revisione dell’Ordinanza sul Fondo di disattivazione e sul Fondo di smaltimento (OFDS) entrerà in vigore solo nel 2019, i contributi dei gestori non possono ancora essere definitivamente decisi. Lo Studio sui costi 2016 verificato e non verificato mostra il seguente quadro dei contributi:

 

Totale dei contributi provvisori

"SC16 non verificato"

Totale dei contributi provvisori

"SC16 verificato"

Fondo di disattivazione

 

      107 mio. Fr.

   212.4 mio. Fr.

Fondo di smaltimento

 

   248.5 mio. Fr.

      265 mio. Fr.

Richiesta di STENFO al DATEC

In base ai risultati ottenuti, STENFO ha presentato al Dipartimento federale dell’ambiente, dei trasporti, dell’energia e delle comunicazioni DATEC una richiesta di fissare i costi a un totale di 23.484 miliardi di franchi. Il DATEC deciderà nei prossimi mesi l’ammontare dei costi di disattivazione e di smaltimento in conformità a quanto previsto dallo Studio sui costi 2016. In base a questa decisione, da parte di STENFO verranno stabiliti gli adeguati contributi provvisori. Solo dopo l’entrata in vigore della revisione dell’OFDS, STENFO deciderà i contributi definitivi per il periodo di tassazione 2017-2021.

Trovate altre e più dettagliate informazioni e documentazioni a partire dalle ore 09.30 sotto www.stenfo.ch

Per domande dei media

stenfo@awo.ch

Segreteria STENFO

Max Zulliger (031 380 79 44)  /  Philipp Suter (031 380 79 65)

Ufficio Segreteria: ATAG Organizzazioni Economiche SA, Eigerplatz 2, Casella postale 1023, 3000 Berna 14

Telefono 031 380 79 61 │ Fax 031 380 79 43

Dossier media